Proseguono le indagini per la morte della persona con disabilità contenuta nella clinica di Crotonei

Maurizio Manica, un uomo con disabilità ricoverato in una clinica privata nei Crotonei, lo scorso 19 giugno era stato ritrovato senza vita tra il letto e il pavimento, sorretto dalle fasce di contenzione. Ad un primo esame si era ritenuto che la morte fosse da imputare presumibilmente ad un’asfissia da impiccamento incompleto e la Procura della Repubblica di Crotone aveva avviato un’inchiesta. Il sostituto procuratore di Crotone , Ines Bellesi, ha recentemente chiuso l’attività investigativa sottolineando che l’impiego della triplice cintura di contenzione “non era giustificato da presupposti clinici, circostanziali ed emergenziali”. L’avviso di conclusione indagini è stato notificato a sei persone, tra medici, infermieri e operatore socio sanitario della struttura.

[continua…]

 

 

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.