Stop Opg

03/06/2015

La campagna promossa dalla CGIL nazionale e dal Forum Salute Mentale, nasce ad aprile del 2011, ed è tuttora in corso, con la partecipazione attiva di ConF.Basaglia. È un cartellone di più di 20 associazioni.

box_associazioni_new

StopOpg accompagna, mantenendo un ruolo attento e critico, le azioni e gli atti legislativi derivati della Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema sanitario regionale, presieduta dal sen. Marino. La Commissione, a seguito dell’intervento nel 2008 presso il Governo italiano del Consiglio d’Europa sullo stato degli Opg, nel giugno e luglio 2010 attua visite ispettive nei sei istituti. Il video girato durante quelle visite svela al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, alle istituzione e i cittadini “l’orrore” degli Ospedali psichiatrici giudiziari. L’obiettivo che StopOpg si propone è la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari, ma tanto più il superamento dei principi giuridici e psichiatrici che lo fondano. In particolare si fa riferimento alle norme del Codice Rocco del 1930 che mantengono uno “statuto speciale” per le persone con problemi di salute mentale che hanno commesso reato. Queste, se prosciolte per incapacità totale di intendere e di volere e se dichiarate “socialmente pericolose” sono sottoposte alla misura di sicurezza detentiva in Opg. Viene così sancito per loro un percorso differenziato, il cosiddetto “doppio binario”,  che li priva del “diritto alla responsabilità” come del diritto al processo.

Cronologia:

- 14 giugno 2017: viene approvato con voto di fiducia il DdL sulla giustizia, che interviene all'art.1 comma 16, lettera d) sull'invio nelle Rems

Riprende alla Camera la discussione sul D.d.L. “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario”, già approvata al Senato con il voto di fiducia. Il D.d.L. affronta all’art. 1 comma 16 lettera d) la questione del ricovero in Rems ampliandolo ai detenuti con sopravvenuta malattia mentale, alle persone in misura di sicurezza provvisoria e a quelle per cui deve essere accertata la condizione psicopatologica. Contro tale articolo, anche a partire dalla mobilitazione di StopOpg con la staffetta del digiuno dal 13 aprile al 30 maggio, sono presentati otto Ordini del Giorno. Il D.d.L. passa  con il voto di fiducia.

 

Ordini del giorno approvati su REMS-OPG
- 18 maggio 2017: Nascita del coordinamento Rems a Parma

-

- 19 aprile 2017: Intervento del Consiglio Superiore della Magistratura in materia di OPG

Importante intervento del Consiglio Superiore della Magistratura sulle disposizioni urgenti in materia di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e sulle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (REMS).

 

Intervento del Consiglio Superiore della Magistratura
- 10 aprile 2017: Incontro nazionale di StopOPG

L’incontro nazionale tenutosi a Roma avviene in occasione dell’evento: “Carcere, che fine hanno fatti gli stati generali ?” (evento promosso da Antigone con il sostegno di StopOpg).

All’incontro è presente anche il Commissario unico per il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, Franco Corleone.

Viene espressa grande preoccupazione  per l’approvazione al Senato, con voto di fiducia, del Disegno di Legge Giustizia n. 2067, Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi nonché all’ordinamento penitenziario per l’effettività rieducativa della pena, che all’articolo 1 comma 16 lettera d) prevede l’estensione dell’ammissione alle REMS ai detenuti con malattia mentale sopravvenuta, alle persone in misura di sicurezza provvisoria e a quelle in osservazione, per le quali è necessario accertare le condizioni psicopatologiche, riproponendo le condizione di ammissione proprie degli OPG, appena chiusi.

L’assemblea di StopOpg dichiarare il proprio dissenso e decide di partire con una mobilitazione: la staffetta del digiuno che inizia il 12 aprile 2017.

- 15 marzo 2017: Riparte la mobilitazione di StopOPG in seguito al maxi emendamento del Governo sul D.d.L. Giustizia

Il 15 marzo il Senato ha approvato , con voto di fiducia, il maxi emendamento del Governo sul Disegno di Legge Giustizia n. 2067. L’articolo 1 comma 16 lettera d) del D.d.L.  dispone il ricovero nelle REMS per i detenuti con malattia mentale sopravvenuta, per le persone in misura di sicurezza provvisoria, per coloro per i quali è necessario accertare le condizioni psicopatologiche. Con l’emendamento si altera la legge 81/14 che considerava “residuale” il ricovero nelle Rems. L’articolo infatti ampia la tipologia di persone che possono essere internate nelle Rems, riportando le stesse alla condizione di ammissione proprie degli Opg.

Con tale modifica il diritto alla salute e alle cure dei detenuti, troppo spesso negato, non sarà così garantito. Bisogna rafforzare invece i programmi di tutela della salute mentale in carcere e potenziare le misure alternative alla detenzione.

 

Testo del maxi emendamento
- 19 febbraio 2017: II° relazione semestrale del Commissario Corleone

A termine del mandato (19 febbraio 2016/19 febbraio 2017) Franco Corleone, Commissario unico  nominato dal Governo per il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, pubblica la II° relazione semestrale.

Nel testo, oltre al resoconto delle attività svolte dal Commissario nel corso del mandato annuale, viene presentata un’analisi della situazione delle REMS con le capienze e le presenze. In particolare, al 19 febbraio 2017, risultano chiusi tutti gli OPG con l’eccezione dell’OPG di Barcellona Pozzo di Gotto in cui rimangono ancora pochi internati in attesa di trasferimento.

Sul territorio nazionale si sono costituite 30 REMS che contano la presenza di 569 internati. Dal 1° aprile 2016 alla data della II° Relazione del Commissario gli ingressi nelle REMS sono stati 950 e 415 le dimissioni.

 

IIa Relazione Commissario Corleone
- 14 marzo 2017: Lettera di StopOPG ai Ministri Orlando, Lorenzin, Finocchiaro

Stefano Cecconi, Giovanna Del Giudice, Patrizio Gonnella, Vito D’Anza, Denise Amerini del Comitato StopOPG indirizzano una lettera ai Ministri Orlando, Lorenzin, Finocchiaro per esprimere la preoccupazione del Comitato a proposito del testo dell’articolo 12 comma 1 lettera d del D.d.L. 2067 Giustizia, in discussione al Senato in queste ore, che, se approvato, rischia di riaprire la stagione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg).

 

Lettera di StopOPG ai Ministri Orlando, Lorenzin, Finocchiaro

 

- 8 marzo 2017: StopOPG lancia l'allarme e la mobilitazione

In relazione alla prossima discussione in Senato dell’articolo 12 comma 1 lettera d, del D.d.L. 2067 Giustizia Modifiche al codice penale e al codice di procedura penale per il rafforzamento delle garanzie difensive e la durata ragionevole dei processi nonché all’ordinamento penitenziario per l’effettività rieducativa della pena, il comitato StopOPG  lancia l’allarme per il ritorno nell’ammissione alle REMS alle condizione di ammissione proprie degli OPG, appena chiusi, con l’estensione ai detenuti con malattia mentale sopravvenuta, alle persone in misura di sicurezza provvisoria e a coloro per i quali è necessario accertare le condizioni psicopatologiche.

StopOpg sostiene l’emendamento 12.122 correttivo presentato dalla senatrice De Biasi e da senatori componenti delle commissioni Sanità e Giustizia e chiede al Governo che lo assuma.

 

Emendamento 12.122

 

- 16 febbraio 2017: Conferenza di StopOPG in Senato

Le Rems sono state attivate in quasi tutte le Regioni, ma non mancano criticità. Bisogna rafforzare il territorio dando impulso ai Dipartimenti di salute mentale. Creare una cabina di regia regionale forte che dialoghi con gli enti locali. Ma soprattutto occorre una modifica al codice penale sulle misure di sicurezza provvisorie e le infermità sopravvenute. Questi i temi discussi

il 16 febbraio, la Commissione del Senato Igiene e Sanità organizza la conferenza, Dopo il superamento degli OPG. Quali criticità e quali prospettive. Presente il Commissario governativo per il superamento degli OPG, Franco Corleoneal termine del suo mandato,  ed una delegazione del comitato StopOPG.

 

Programma 16 febbraio 2017 Governo e Parlamento – Articolo Quotidiano Sanità

 

- 10 e 11 febbraio 2017: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Sicilia)

Visita alla Rems di Naso, in provincia di Messina  e visita alla Rems di Caltagirone in provincia di Catania.

All’incontro hanno partecipato per StopOPG: Stefano Cecconi, Giovanna Del Giudice, Maria Grazia Giannichedda, don Giuseppe Insana, Elvira Morana e Caterina Tusa della CGIL FP di Palermo  e il videocamere Antonio Fortarezza.

Il 10 febbraio il Comitato visita l’OPG di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), da novembre 2016 trasformato in casa circondariale con una sezione di Articolazione per la Tutela della Salute Mentale. Nell’ex OPG sono al momento ancora presenti 13 internati, 9 in misura di sicurezza detentiva e 4 in misura di sicurezza provvisoria. Il Direttore della casa circondariale assicura alla delegazione che, in accordo con la magistratura di sorveglianza, gli internati in misura di sicurezza definitiva nella settimana seguente saranno trasferiti in Comunità terapeutiche assistite. Sono state già attivate richieste alla magistratura per trovare soluzioni per le persone in misura di sicurezza provvisoria.

Inoltre, venerdì 10 febbraio la delegazione  di StopOPG visita la Rems di Naso (ME).

Sabato 11 febbraio la delegazione  visita la Rems di Caltagirone (CT) e nel pomeriggio partecipa ed interviene al dibattito pubblico con Istituzioni e associazioni regionali.

 

Programma 10-11 febbraio 2017 La lettera di denuncia di Stop Opg

 

- 7 Febbraio 2017: Chiude l’OPG di Montelupo Fiorentino

Con grave ritardo si giunge alla chiusura dell’OPG di Montelupo Fiorentino. Nella sede dell’ex OPG sono ancora detenute sette persone, che dovranno essere assistite in carcere o, preferibilmente, con misure alternative.

- 27 e 28 gennaio 2017: Un incontro nazionale sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

La Regione Friuli Venezia Giulia, il Comitato StopOPG nazionale e l’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste promuovono un incontro nazionale sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.

Il 27 gennaio l’incontro si apre in forma ufficiale alle ore 17 nel Consiglio Regionale del FVG con interventi istituzionali e  la presentazione da parte del Commissario governativo per il superamento degli OPG, alla scadenza del suo incarico, della relazione finale.

Il 28 nel teatro Franca e Franco Basaglia del Parco culturale di San Giovanni di Trieste il convegno Le Rems e oltre le Rems, problemi e prospettive

Durante i lavori viene presentato il video di Antonio Fortarezza Viaggio Attraverso le Rems patrocinato da StopOPG e da Conferenza Basaglia.

 

Programma 27-28 gennaio 2017 Il video IIa Relazione Semestrale Corleone

 

 

foto3

foto2

foto1

 

 

- 23 dicembre 2016: StopOPG in visita all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Montelupo Fiorentino

La delegazione di StopOPG visita l’OPG di Montelupo Fiorentino ancora aperto a quasi due anni dalla data di chiusura fissata dalla legge. Presenti 8 internati: 6 dalla Toscana e 2 dalla Liguria. La delegazione è composta da: Stefano Cecconi (Cgil nazionale), Denise Amerini (Fp Cgil nazionale), Cesare Bondioli (Psichiatria Democratica), Vito D’Anza (Forum Salute Mentale), Giovanna Del Giudice (CoperSam Basaglia), Mauro Fuso (Cgil Toscana) Maria Grazia Giannichedda (Fondazione Basaglia), Donato Petrizzo (Fp Cgil Toscana), don Armando Zappolini (Cnca), Maria Grazia Antoci e Chiara Fusi (Cittadinanzattiva), Paolo Grasso, Rita Filomeni (poeta e autrice teatrale). Inoltre è presente il Commissario unico per il superamento degli OPG, Franco Corleone.

 

Report visita

 

 

- 13 dicembre 2016: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Friuli Venezia Giulia)

Visita alla Rems di Aurisina in provincia di Trieste.

All’incontro hanno partecipato per stopOPG: Stefano Cecconi, Giovanna Del Giudice e Ivan Novelli.

Ad accogliere la delegazione: il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste (Roberto Mezzina), la Psichiatra responsabile della struttura, il Coordinatore infermieristico e numerosi operatori. Presente pure il Commissario governativo per il superamento degli Opg (Franco Corleone).

 

Report visita

 

Protocollo FVG e uffici Giudiziari del Distretto della Corte d’Appello di Trieste

 

 

- 28 novembre 2016: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Veneto)

Visita alla Rems di Nogara in provincia di Verona.

All’incontro hanno partecipato per stopOPG: Stefano Cecconi, Anna Poma e Gianfranco Rizzetto, Edoardo Berton (Presidente Associazione Cittadinanza e Salute), Franco Nube (Forum Salute Mentale Veneto), Sante Olivato (FP Cgil Verona) e dal videomaker Antonio Fortarezza che sta documentando per stopOPG le visite alle Rems.

Ad accogliere la delegazione: Pietro Girardi (Direttore Generale AULSS Legnago), Gabriele Gatti (Direttore Amministrativo AULSS Legnago), Tommaso Maniscalco (Direttore Area Salute Mentale e Penitenziaria Regione Veneto), e alcuni operatori della Rems.

 

Report della visita

 

 

- 2 novembre 2016: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Trentino – Alto adige)

Visita alla Rems di Pergine Valsugana (TN) nella regione Trentino – Alto Adige.

All’incontro hanno partecipato per stopOPG: Anna Poma, Gianfranco Rizzetto e da Meri Pederzolli e Giuseppe Leoni di Cittadinanza Attiva.

Ad accogliere la delegazione: Lorenzo Gasperi, Direttore dell’UO Psichiatria distretto Est Asl Trento e della Rems, e gli operatori della Rems.

Report visita

 

- 27 ottobre 2016: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Abruzzo - Molise)

Visita alla Rems di Barete (AQ) della regione Abruzzo e Molise.

All’incontro hanno partecipato per stopOPG:

Stefano Cecconi, Giovanna Del Giudice e Alessandro Sirolli.

Ad accogliere la delegazione:

Il Direttore del Dipartimento Salute Mentale dell’AUSL dell’Aquila Vittorio Sconci e gli operatori della Rems.

Report visita

 

- 13 settembre 2016: Relazione semestrale del Commissario Corleone
- settembre 2016: Emendamento correttivo dei senatori della Commissione Giustizia del Senato
- 1 agosto 2016: SOS Commissione Giustizia del Senato ed emendamento Mussini

Nella Commissione Giustizia del Senato, discutendo di un disegno di legge su «garanzie difensive, durata dei processi, finalità della pena» è stato approvato un emendamento proposto dalla Senatrice Mussini (PD) di Reggio Emilia.

Segue il testo del DDL 2067,  articolo 12, comma 1, lettera d) dopo l’emendamento Mussini:

d) Tenuto conto dell’effettivo superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari e dell’assetto delle nuove REMS, previsione della destinazione alle residenze di esecuzione delle misure di sicurezza (Rems) prioritariamente delle persone per le quali sia stato accertato in via definitiva lo stato di infermità al momento della commissione del fatto, da cui derivi il giudizio di pericolosità sociale, nonché dei soggetti per i quali l’infermità di mente sia sopravvenuta durante l’esecuzione della pena, degli imputati sottoposti a misure di sicurezza provvisorie e di tutti coloro per i quali occorra accertare le relative condizioni psichiche, qualora le sezioni degli istituti penitenziari alle quali sono destinati non siano idonee, di fatto, a garantire i trattamenti terapeutico-riabilitativi, con riferimento alle peculiari esigenze di trattamento dei soggetti e nel pieno rispetto dell’articolo 32 della Costituzione.

L’emendamento, prevedendo l’ingresso nelle Rems di altre tipologie di soggetti, oltre a quelli prosciolti e ritenuti pericolosi socialmente, uguaglia ed assimila le Rems con i vecchi Opg (da superare).

- 25 giugno 2016: Aggiornamento presenze negli Opg e nelle Rems

Nei due Opg di Barcellona Pozzo di Gotto e Montelupo fiorentino sono presenti 53 internati mentre nelle 24 Rems costituite nei territori regionali sono internate 358 persone, a cui si aggiungono 176 internati nella Rems di Castiglione delle Stivire, per un totale di 534 persone. Delle persone attualmente internate nelle Rems 219 hanno una misura di sicurezza definitiva, 244 provvisoria.
Dal 31 marzo 2015 le persone entrate nelle Rems sono state 491, di queste 133 sono state dimesse. Inoltre, 195 sono le persone, con provvedimenti della magistratura, in attesa di invio in Rems, la maggior parte delle quali con misura di sicurezza provvisoria.
Nella Rems di Castiglione delle Stiviere sono state effettuate 918 contenzioni su 59 persone. Di queste una internata ha subito 640 provvedimenti di contenzione. Nelle altre Rems non si fa ricorso alla contenzione, se non in alcune in casi rari e per tempo limitato.

(fonte: dati forniti dal Commissario unico per il superamento dell’Opg Franco Corleone al convegno di Matera Chiusura Opg: dall’internamento e segregazione alla cura e reinserimento sociale. Criticità e prospettive)
- 15 giugno 2016: Chiusura dell'Opg di Aversa

Dopo la chiusura dell’Opg di  Aversa, rimangono aperti  Barcellona Pozzo di Gotto e di Montelupo Fiorentino con poco più di sessanta persone internate. Rimane lo “scandalo” di Castiglione delle Stiviere, con oltre duecento internati, che ha solo cambiato nome.

- 19 maggio 2016: Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems (Lazio)

Visita nella regione Lazio per visitare le Rems di Subiaco e di Palombara Sabina. In questa regione è già stata visitata la Rems di Pontecorvo e resta da visitare la Rems di Ceccano (FR) .

All’incontro ha partecipato per stopOPG:

Stefano Cecconi, Denise Amerini, Ornella Di Angelo, Gervasio Capogrossi (Cgil Rieti/Roma est/ Valle Aniene) e Maria Teresa Milani (Cittadinanzattiva e Consulta Salute Mentale Asl Roma 5)

Ad accogliere la delegazione:

Il Direttore del Dipartimento Salute Mentale Giuseppe Nicolò e gli operatori delle due Rems.

 

Report visita
- 6 maggio 2016: Chiusura dell'Opg di Reggio Emilia

Con la dimissione degli ultimi tre internati chiude l’Opg di Reggio Emilia. Negli altri tre Opg di Barcellona Pozzo di Gozzo, Aversa e Montelupo Fiorentino rimangono circa 80 internati. Castiglione della Stiviere ha solo cambiato nome da Opg a Rems con circa 200 internati.

- 31 marzo 2016: Il video del viaggio di StopOpg nelle Rems

In occasione dell’anniversario della data di chiusura per legge degli OPG, presso la sede della CGIL nazionale è stato proiettato il video testimonianza curato dal regista Antonio Fortarezza  che documenta il viaggio di StopOpg nelle Rems iniziato a fine novembre 2015.

- 31 marzo 2016: Anniversario della data di chiusura per legge degli OPG

Ad un anno dalla data di chiusura “per legge” degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari fissata dalla L.81/14, le associazioni di StopOpg hanno ricordato l’anniversario rinnovando impegno e la vigilanza sul processo in atto.

Presenti all’incontro il Sottosegretario alla Salute on. De Filippo, il Commissario Governativo Corleone,  la Presidente della Commissione sanità del Senato sen. De Biase e la sen. Nerina Dirindin, il Presidente della Commissione diritti umani Manconi, il Garante nazionale delle persone private della libertà Palma e Daniele Piccione del Consiglio superiore magistratura.

Importanti le testimonianza artistiche di Rita Filomeni, Pierpaolo Capovilla, Antonio Fortarezza.

Ad oggi nei quattro Opg di Montelupo Fiorentino, Reggio Emilia, Aversa e Barcellona Pozzo di Gotto sono presenti 90 internati, al 31 dicembre 2015 erano circa 700. Chiuso a  dicembre 2015 l’Opg di Secondigliano di Napoli.  Castiglione delle Stiviere, che ha cambiato il nome da Opg a Rems, ha ancora ristrette 220 persone. Le Rems attivate  sul territorio nazionale ospitano ad oggi 230 persone; 135 sono le persone in misura di sicurezza provvisoria, quindi circa un terzo.

Impegno del governo è la chiusura degli Opg nei prossimi sei mesi con l’attivazione totale di 30 Rems nel paese.  Rilevata l’urgenza di un atto che impedisca l’invio di persone in misura di sicurezza provvisoria nelle Rems come gli invii di detenuti dal carcere.

Ma l’impegno prioritario è che il ricorso alla misura di sicurezza detentiva sia estrema ratio, come previsto dalla legge 81/14  e dalle sentenze della Corte Costituzionale 253/2003 e 354/2004, come la ripresa  di attenzione e il rafforzamento del sistema dei servizi di salute mentale.

 

Ad un anno dalla chiusuradegli Opg

 

 

- 11 marzo 2016: Continua il viaggio di StopOpg nelle Rems (Sardegna)

Visita Rems di Capoterra in Sardegna

All’incontro ha partecipato per stopOPG:

Giovanna Del Giudice (StopOpg), Gisella Trincas (Unasam), Caterina Cocco e Mariella Pes (Cgil regionale e FP Cgil di Cagliari), Daniele Pulino (Antigone) e dal video maker Antonio Fortarezza.

Ad accogliere la delegazione:

Maria Maddalena Giua (Commissaria straordinaria della ASL di Sanluri), Alessandro Coni (direttore del Dipartimento di Salute Mentale) e da Riccardo Curreli (responsabile della REMS).

 

Report della visita

 

 

- 10 marzo 2016: Vademecum sulle misure di sicurezza

Vademecum sulle misure di sicurezza elaborato da StopOpg e dal primo soccorso StopOpg.

 

Foto Vademecum

 

Vademecum sulle misure di sicurezza

 

 

 

 

- 2 marzo 2016: L’intervista al commissario Corleone del Sole24ore

Corleone dichiara di voler lavorare a fianco delle regioni per una pronta chiusura dei vecchi Opg dove sono ancora internate 97 persone. La prossima chiusura sarà quella dell’Opg di Reggio Emilia dove sono rimasti solo 6 pazienti detenuti. L’impegno è perché “con le Rems non debbano risorgere i manicomi”.

 

Intervista al Commissario de IlSole24Ore

 

 

 

 

- 25 febbraio 2016: Dopo la nomina del commissario, le richieste di StopOpg

La relazione indica la presenza al 15 dicembre negli Opg di  164 internati e di 455 nelle Rems, di cui 223 nelle Rems di Casiglione. I dati confermano l’urgenza della nomina del Commissario per la dimissione degli internati e la chiusura degli Opg insieme all’applicazione piena della legge 81/14.

 

Le richieste di StopOpg

 

 

 

 

- 19 febbraio 2016: Franco Corleone nominato Commissario per il superamento degli Opg

Il Consiglio dei Ministri ha nominato Franco Corleone, garante dei diritti dei detenuti della regione Toscana, commissario unico per il superamento dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario per le regioni Veneto, Piemonte, Puglia, Toscana, Abruzzo, Calabria. La nomina del commissario portata l’11 febbraio in conferenza delle regioni non ha avuto parere favorevole, parere per altro non vincolante, ma il Consiglio dei Ministri ha deciso lo stesso di procedere con la nomina.

Il commissario ha il compito di garantire entro sei mesi la chiusura degli Opg (Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino, Aversa, Barcellona Pozzo di Gotto) con la dimissione di tutte e tutti gli internati. Il mandato affidato al commissario è però più ampio e riguarda tutto il territorio nazionale per la piena applicazione della legge 81/14, in particolare in riferimento all’applicazione residuale delle misure di sicurezza detentiva privilegiando quelle alternative.

 

Foto Corleone

 

 

 

- febbraio 2016: Quarta relazione al Governo sul superamento Opg

La relazione indica la presenza al 15 dicembre negli Opg di  164 internati e di 455 nelle Rems, di cui 223 nelle Rems di Casiglione. I dati confermano l’urgenza della nomina del Commissario per la dimissione degli internati e la chiusura degli Opg insieme all’applicazione piena della legge 81/14.

 

Relazione al parlamento

 

Tabelle

 

 

 

- 14 gennaio 2016: continua il viaggio di StopOpg nelle Rems (Emilia Romagna)

> Visita Rems di Mezzani – Ausl di Parma

> Visita Rems di Bologna “Casa degli Svizzeri” – Ausl di Bologna

Agli incontri  hanno partecipato per stopOPG:

> In entrambe le Rems: Stefano Cecconi, Elia De Caro, Antonio Fortarezza e Alessio Maione

> A Casale dei Mezzani: Rosalba Calandra Checco (Fp Cgil Parma)

> A Bologna: Giovanna Del Giudice e Marco Baldo (Fp Cgil Bologna)

Agli incontri  hanno partecipato per la Regione Emilia Romagna:

> In entrambe le Rems:  le dirigenti Mila Ferri e Anna Cilento

Ad accogliere la delegazione:

> A Casale dei Mezzani: il Sindaco di Mezzani Romeo Azzali e l’assessore alle Politiche Sociali,  il Direttore generale Ausl Parma Elena Saccenti, il Direttore DSM Ausl Parma Piero Pellegrini, Giuseppina Paulillo responsabile Rems, diversi Operatori della struttura e rappresentanti della società civile e delle cooperative che operano all’interno della struttura.

> A Bologna: il Direttore sanitario AUSL Angelo Fioritti, il Responsabile della REMS Claudio Bartoletti, la coordinatrice della Rems Velia Zulli e il Direttore del DSM Ivonne Donegani.

 

Report delle visite

 

Note a StopOpg dai responsabili AUSL BO

 

 

 

- 21 dicembre 2015: Chiusura dell'Opg di Secondigliano

Il Consiglio dei Ministri ha nominato Franco Corleone, garante dei diritti dei detenuti della regione Toscana, commissario unico per il superamento dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario per le regioni Veneto, Piemonte, Puglia, Toscana, Abruzzo, Calabria. La nomina del commissario portata l’11 febbraio in conferenza delle regioni non ha avuto parere favorevole, parere per altro non vincolante, ma il Consiglio dei Ministri ha deciso lo stesso di procedere con la nomina.

Il commissario ha il compito di garantire entro sei mesi la chiusura degli Opg (Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino, Aversa, Barcellona Pozzo di Gotto) con la dimissione di tutte e tutti gli internati. Il mandato affidato al commissario è però più ampio e riguarda tutto il territorio nazionale per la piena applicazione della legge 81/14, in particolare in riferimento all’applicazione residuale delle misure di sicurezza detentiva privilegiando quelle alternative.

 

Foto Corleone

 

 

 

- 30 novembre 2015: Inizia il viaggio di StopOpg nelle Rems (Friuli-Venezia Giulia – Campania – Lazio)

> 30 novembre Rems di Maniago ASL Pordenone

> 2 dicembre Mondragone e Roccaromana ASL di Caserta

> 3 dicembre Pontecorvo ASL di Frosinone

Agli incontri hanno partecipato per stopOPG

> In tutte le Rems: Stefano Cecconi e Giovanna Del Giudice

> A Maniago: Francesco Benvenuto e Adelina Zanella (Fp Cgil Pordenone)

> A Mondragone e a Roccaromana: Denise Amerini (Fp Cgil nazionale), Angelo Cicatiello e Anna Canzanella (Fp Cgil Campania), Antonio Fortarezza (regista video) e Alessio Maione(sociologo della salute)

> A Pontecorvo: Giacomo Russo Spena (giornalista)

 

Scarica il report di Stopopg

- 30 novembre 2015: Le persone internate negli Opg e nelle Rems

Sono 181 gli internati negli Opg di Reggio Emilia, Montelupo Fiorentino, Barcellona Pozzo di Gotto, Aversa, Secondigliano, di cui 173 uomini e 8 donne. 448 sono invece gli internati nelle Rems, di cui 382 uomini e  66 donne. Di questi sono presenti nelle Rems di Castiglione delle Stiviere 226 internati, di cui 184 uomini e 42 donne.

Il totale delle persone internate negli Opg e nelle Rems al 30 novembre 2015 è perciò 629 .


(Fonte: stopOPG su dati DAP)

 

Schermata 2015-12-24 alle 11.02.26   Internati negli Opg suddivisi per Regione
(Fonte: stopOPG su dati DAP) Schermata 2015-12-24 alle 11.02.49   Prospetto presenze nelle REMS alla data del 30 novembre 2015
(Fonte: Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia) Schermata 2015-12-24 alle 10.03.11

- ottobre 2015: ATTENZIONE! La regione FVG interviene presso il Ministero della Salute sulla territorialità delle REMS

La Regione Friuli Venezia Giulia, in una lettera al Ministero della Salute (Direzione Generale della Programmazione Sanitaria) e al Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’Amministrazione Sanitaria), ribadisce e sottolinea il criterio della territorialità, quindi della stretta integrazione da parte degli operatori delle REMS con i servizi socio-sanitari del territorio nel lavoro con le persone internate nelle Rems. Viene inoltre dichiarata la “non disponibilità” per l’accoglienza  nella stesse di cittadine e cittadini non residenti nella regione.

 

Lettera al Ministero della Salute e della Giustizia – FVG

3

- ottobre 2015: Giovanna Del Giudice e Stefano Cecconi, a nome del Comitato nazionale stopOPG, fanno richiesta alle ASL di competenza di visita alle REMS

Giovanna Del Giudice e Stefano Cecconi, a nome del Comitato nazionale stopOPG, fanno richiesta alle ASL di competenza di visita alle REMS: REMS di Palombara Sabina e REMS di Subbiaco della ASL di Roma G REMS di Pontecorvo della ASL di Frosinone REMS di Mondragone e REMS di Rocca Romana dell’ASL di Caserta REMS “Casa degli svizzeri” della ASL di Bologna REMS di Montegrimano Terme dell’ASL delle Marche REMS di Mezzani dell’ ASL di Parma REMS di Aurisina dell’AAS 1 di Trieste REMS di Maniago dell’AAS5  di Pordenone

 

Regolamento REMS ASL Caserta

Protocollo di rapporto FVG-Uffici Giudiziari della Corte d’Appello TS

- ottobre 2015: A partire dal 15 ottobre si attiva il servizio online “Primo soccorso stop OPG – REMS”

A partire dal 15 ottobre si attiva il servizio online “Primo soccorso stop OPG – REMS”, attivo grazie alla collaborazione volontaria di avvocati, psichiatri, operatori dei servizi di salute mentale e rappresentanti delle associazioni di famigliari. Il servizio nasce per decisione del Comitato nazionale stopOPG come ulteriore azione a sostegno dei diritti delle persone internate o a rischio di internamento in OPG e in REMS.

 

20. Visita il “PS stop OPG – REMS”
- settembre 2015: Il 29 settembre 2015 viene inaugurata la prima “REMS di osservazione e valutazione”

Il 29 settembre 2015 viene inaugurata la prima “REMS di osservazione e valutazione” nell’area dell’ex Opg di Castiglione delle Stiviere. In tale occasione, l’Azienda ospedaliera di Mantova produce e condivide in rete un filmato “R.E.M.S. – Una nuova speranza”. Inoltre, sempre in occasione di tale inaugurazione, viene diffusa la “Carta dei servizi”.

 

Guarda “R.E.M.S. – Una nuova speranza”

Carta dei servizi Rems Castiglione delle Stiviere

- settembre 2015: L’Associazione L’Altro Diritto è impegnata in una battaglia contro la detenzione illegale dei pazienti ancora reclusi negli OPG

Ormai da tre mesi,  l’Associazione L’Altro Diritto è impegnata in una battaglia contro la detenzione illegale dei pazienti ancora reclusi negli OPG. Aggiornata al 26 di settembre, la battaglia ha raccolto 109 istanze dai pazienti di tre delle cinque strutture ancora aperte. Per saperne di più, leggi l’articolo “Opg, metà degli internati denuncia lo stato per sequestro di persona” e visita la pagina “Modelli di reclamo per gli internati ancora presenti negli OPG”.

Opg, metà degli internati denuncia lo stato per sequestro di persona 

Modelli di reclamo per gli internati ancora presenti negli OPG

- settembre 2015: Ricapitolazione delle presenze nelle REMS

Ricapitolazione delle presenze nelle REMS aggiornata al 17 settembre 2015,

fonte: Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria

Rems settembre 2015
- luglio 2015: La Corte Costituzionale respinge il ricorso promosso dal Tribunale di sorveglianza di Messina contro la legge 81/2014 sul superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

La Corte Costituzionale ha respinto il ricorso promosso dal Tribunale di sorveglianza di Messina contro la legge 81/2014 sul superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, giudicando non fondata la questione di legittimità costituzionale. Il ricorso contestava la legge 81/2014 nelle parti in cui stabilisce che l’accertamento della pericolosità sociale “è effettuato sulla base delle qualità soggettive della persona e senza tenere conto delle condizioni (cosiddette ambientali)  di cui all’articolo 133, secondo comma, numero 4, del codice penale” e che “non costituisce elemento idoneo a supportare il giudizio di pericolosità sociale la sola mancanza di programmi terapeutici individuali”. La Consulta conferma la piena legittimità costituzionale della legge 81, laddove in sostanza ci dice che un malato povero, emarginato, senza casa o abbandonato dai servizi non può diventare, per questa ragione, socialmente  pericoloso e finire in OPG. Come troppo spesso sinora è accaduto. Si conferma e si rafforza così l’orientamento di quella che abbiamo definito una buona legge. Il tratto più interessante della nuova norma è aver spostato il baricentro dai binomi manicomiali “malattia mentale/pericolosità sociale e cura/cusotodia” ai progetti di cura e riabilitazione individuali e al territorio. In particolare essa stabilisce che la regola deve essere una misura di sicurezza diversa dalla detenzione in Opg e in Rems, salvo situazioni determinate che devono diventare l’eccezione.  In questo senso la sentenza della Consulta è illuminante e conferma precedenti atti. La mobilitazione di stopOPG così prosegue con più forza e la prima richiesta al Governo è il commissariamento delle regioni che non hanno ancora accolto i propri pazienti e che impediscono la chiusura degli OPG a quasi quattro mesi dalla scadenza del 31 marzo 2015.

rems_pontecorvo

 

Superamento Opg, Sentenza 186 del 2015

rems_pontecorvo

- giugno 2015: Il sottosegretario alla Salute, on. De Filippo, relaziona in Commissione Igiene e Sanità del Senato sullo stato degli Opg

Il sottosegretario alla Salute, on. De Filippo, ha relazionato in Commissione Igiene e Sanità del Senato sullo stato degli Opg.  Al 22 giugno le persone internate negli istituti ancora funzionanti rimangono 341.  Il Governo sembra deciso a intervenire in tutti i modi consentiti dalla legge nei confronti  delle Regioni e delle amministrazioni che non abbiano rispettato gli adempimenti, attraverso il Commissariamento. Ma il Commissariamento non deve servire solo a superare i ritardi nella chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, ma deve occuparsi dell’attuazione integrale della Legge 81/2014. È  stato infine riportato, Regione per Regione, lo stato di attuazione  della Residenze  per l’esecuzione della misura di sicurezza.

 

La situazione Regione per Regione
- maggio 2015: Appello di StopOpg

Scarica l’Appello di StopOpg.

Appello maggio 2015

- 31 marzo 2015: Chiusura per legge degli Opg

carcere

- marzo 2015: Terza relazione trimestrale al Parlamento

Terza relazione trimestrale al Parlamento.

Terza relazione trimestrale al Parlamento

- gennaio 2015: Seconda relazione trimestrale al Parlamento

Seconda relazione trimestrale  al Parlamento.

Seconda relazione trimestrale al Parlamento

- ottobre 2014: Prima relazione trimestrale al Parlamento

Prima relazione trimestrale al Parlamento sul Programma di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, ai sensi della legge 30 maggio 2014 n. 81.

Prima relazione trimestrale al Parlamento
- marzo 2014: Seconda proroga della chiusura Opg

Seconda proroga della chiusura Opg  con decreto legge n. 52/14 commutato  nella  legge 81/14.

Decreto Legge 31 marzo 2014, n. 52

Legge 30 maggio 2014, n. 81

- luglio 2013: Delibera n. 15/13

Delibera n. 15/13 sul ripartizione della quota destinata al finanziamento di parte corrente degli oneri relativi al superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari

Delibera del CIPER nr. 15, 8 marzo 2013

- marzo 2013: Viene prorogata di un anno la chiusura degli Opg

Viene prorogata di un anno la chiusura degli Opg con il decreto legge n. 24 del 25 marzo 2013, commutato nella legge 57/2013.

Decreto Legge 25 marzo 2013 n. 24

Legge 23 maggio 2013, n. 57

carcere

- 17 febbraio 2012: Promulgazione dell’Art. 3 – ter, legge 9 (Disposizioni per il definitivo superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari)

Dopo la promulgazione dell’art. 3 ter della Legge 9 del 2012,  che fissa al 1 aprile 2013 la chiusura degli Opg e l’esecuzione da quella data delle misure di sicurezza detentive in strutture residenziali regionali dedicate, le Rems, StopOpg evidenzia il rischio della “moltiplicazione” degli Opg in queste strutture regionali che definisce “miniopg”.

Legge 17 febbraio 2012, n.9

Assemblea Nazionale StopOPG 12 giugno 2012

Decreto 1° Ottobre 2012