Somaliland: emergenza salute mentale

Psicofarmaci non ce ne sono, se ci sono sono rari e costosi. Non ci sono o quasi cliniche attrezzate. Così le famiglie sono costrette a gestire in casa i malati mentali. E, talvolta, per contenerne l’irruenza ed evitare violenze inutili, i pazienti sono incatenati a un muro. È questa la dura condizione del disagio psichico in Somaliland, la regione settentrionale della Somalia che da più di vent’anni si è dichiarata indipendente (anche se nessuna nazione al mondo l’ha riconosciuta).

Non esistono dati ufficiali sulla prevalenza delle condizioni di salute mentale, ma secondo alcune ricerche condotte a livello locale da psichiatri somali e stranieri indicano alti livelli di disagio psichico causati dalla violenza della guerra civile in corso nella vicina Somalia, l’uso diffuso del qat, la disoccupazione radicata e la mancanza di assistenza sanitaria.

«In Somaliland, la salute mentale è un campo abbandonato», spiega ai microfoni dell’emittente qatariota Al Jazeera Abdirisak Mohamed Warsame, uno dei pochissimi professionisti che lavorano per migliorare la vita delle persone che soffrono di problemi di salute mentale nel Paese del Corno d’Africa. Chi soffre di disturbi psichici è abbandonato o, comunque, trascurato. Spesso i malati, soprattutto le donne, vengono abusati.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.