Treviso punta sulla rete

La crisi economica non solo ha accentuato i problemi di salute mentale, ma ne ha anche fatto emergere nuove forme. Per questo oggi non può più essere solo un affare da psichiatri: occorre che tutta la comunità se ne faccia carico. È il ragionamento che sta dietro le “Giornate di sensibilizzazione per la salute mentale” in corso a Treviso e che vivranno oggi l’evento centrale con un dibattito in cui si confronteranno le varie “anime” del territorio, dalle categorie produttive, al volontariato, ai servizi socio-sanitari e scolastici, alla cooperazione sociale. Soggetti che in questi mesi sono stati tutti sollecitati a compilare un questionario di domande aperte che aveva l’obiettivo di analizzare l’esistente e soprattutto di pensare nuovi interventi futuri. La serie di incontri, aperta martedì 16 giugno con due mostre di fotografie e documenti sul vecchio ospedale psichiatrico Sant’Artemio, è organizzata dalla Azienda Ulss 9 di Treviso e coordinata dal direttore del dipartimento salute mentale Gerardo Favaretto. [continua…]

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.