Olocausto brasiliano: la follia dei sani di mente

70mila morti. Questo è il risultato dei trattamenti eseguiti nella Colonia di Barbacena. Fondato nel 1903 con una capacità di 200 posti letto, l’ospedale  è stato un luogo di genocidio di massa avvenuto in particolare tra gli anni  60 e 80 attraverso treni con vagoni carichi (chiamati “treni di pazzi “), con un sistema simile a quello dei campi di concentramento tedeschi.

“Ci sono stati strappati i vestiti, la testa rasata, e cancellato il nome. Nudo in corpo e identità, rapita l’umanità, uomini, donne e persino bambini trasformati in questo; (…) Abbiamo mangiato topi e feci, liquami o bevuto urina, dormito su erba, sono stati picchiata e violentata a morte .

Si stima che circa il 70% dei ricoverati in ospedale non aveva una diagnosi di malattia mentale. L’ospedale è stato progettato per contenere il indesiderabili,secondo i fondamenti della teoria eugenetica. Sono stati inviati “la gente non piacevole e scomoda”, ma anche gli oppositori politici, prostitute, omosessuali, mendicanti, le persone senza documenti, epilettici, alcolisti, ragazze incinte e violentate dai loro padroni, mogli ripudiate, figlie di contadini che hanno perso la verginità prima del matrimonio. In breve, l’ospedale è stato il luogo dove nessuno poteva accedere.

“I pazienti sono morti di freddo, fame, malattie. Ma anche morti di elettroshock. In pochi giorni l’elettroshock erano così tanti e così forti da causare blackout in città. Durante i periodi di capacità di picco, 16 persone sono morte ogni giorno e morire, ha dato un profitto. Tra il 1969 e il 1980 più di 1.800 corpi dei pazienti richiedenti sono stati venduti a 17 scuole mediche del paese. Quando c’erano troppi corpi e il mercato si era ridotto, i corpi hanno cominciato a essere sciolti in acido, di fronte ai pazienti sopravvissuti, in modo che le ossa potessero essere commercializzate “.

Lo psichiatra italiano Franco Basaglia, un pioniere nella lotta anti-manicomi in Italia, è stato in Brasile e ha visitato il Colonia nel 1979. A quel tempo, convocò una conferenza stampa e sbottò: “Ero oggi in un campo di concentramento nazista. In nessun’altra parte del mondo, testimone di una tragedia come questa “.

I numeri esorbitanti e il silenzio per oltre 50 anni, le esecuzioni a freddo e le violenze che si sono verificati in ospedale Colonia a Barbacena hanno superato i decessi registrati e nascosti della dittatura militare brasiliana. Sono stati addirittura superati  i numeri delle dittature più sanguinarie dell’America Latina, il Cile con più di 40 mila e Argentina, con più di 30.000 morti.  Come si può permettere la pratica e l’occultamento del genocidio per oltre 50 anni senza una risposta per queste vittime e alle loro famiglie?

A trent’anni dalla chiusura di questo inferno, non sono molti quelli che ce l’hanno fatta e nessuno ce l’ha fatta gratis. In tutto sono meno di 200. Alcuni di loro sono e resteranno in ospedale fino alla fine della vita, perché non in grado di stabilire legami sociali, a causa dei traumi e delle torture subite.

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.