Il ruolo dei Dsm nell’assistenza in carcere

Nell’articolo Massimo Cozza, Direttore del Dsm ASL Roma 2, fa una panoramica sulla tematica dell’assistenza psichiatrica in carcere, su aspetti che necessitano un’ulteriore e puntuale definizione. Inanzittutto sottolinea come sia necessario superare il concetto di non imputabilità per infermità di mente previsto dal codice penale Rocco del 1930, normativa ancorata ad una vecchia concezione della malattia mentale associata a inguaribilità, imprevedibilità, organicità e pericolosità. Maggior puntualità è richiesta anche sula normativa per le situazioni di detenzione con sopravvenuta patologia psichiatrica; fondamentale è anche la definizione di modelli di protocollo da adottare da parte della Conferenza Stato – Regioni, con la condivisione dei CSM, per poi aprire anche un dialogo con tutti gli altri attori coinvolti.

[continua…]

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.